Cerca nel blog

No alla legge ammazza blog

No alla legge ammazza blog
ROMA – Torna il disegno di legge sulle intercettazioni e torna con la contestata norma “ammazza blog”. In sintesi, ogni gestore di “sito informatico” (dai quotidiani online, ai blog quindi) ha l’obbligo di rettificare ogni contenuto pubblicato sulla base di una semplice richiesta di soggetti che si ritengano lesi dal contenuto in questione. Senza possibilità di replicare quindi, bisogna semplicemente pubblicare la rettifica, che sia fondata o meno. Altrimenti si rischiano fino a 12 mila euro di sanzione. Ecco il testo: “Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono”. In pratica qualsiasi contenuto sul web diventerebbe censurabile con l’invio di una semplice email. Sul ddl intercettazioni il governo ha particolare fretta: non è escluso che venga blindato con la fiducia e approvato in tempi rapidi senza emendamenti. Fonte :Blitz quotidiano

Chiarimenti

- Olio d'oliva: Quando nelle ricette scrivo "olio d'oliva" intendo olio extravergine d'oliva. Gli olio di semi mi vanno bene tutti ma per l'olio d'oliva per me esiste solo ed esclusivamente quello extravergine.
- Cipolla: non sempre chiarisco che tipo di cipolla, ma quando non lo scrivo vuol dire che è quella rossa di Tropea, la bianca non la usa praticamente mai.
- Sale e spezie: quasi mai scrivo le quantità di queste cose perchè credo che ognuno le debba usare secondo i suoi gusti, ovviamente ci sono le eccezzioni.

2 commenti:

Fabrizio ha detto...

"mollica" quando scrivo così non intendo la parte spugnosa interna del pane, ma il pangrattato, scusatemi, ma in sicilia parliamo così, e siamo anche migliori di voi :P :P :P

Waterwitch ha detto...

Giusto, ma visto che lo hai aggiunto tu non c'è bisogno che lo metto! ;)