Cerca nel blog

No alla legge ammazza blog

No alla legge ammazza blog
ROMA – Torna il disegno di legge sulle intercettazioni e torna con la contestata norma “ammazza blog”. In sintesi, ogni gestore di “sito informatico” (dai quotidiani online, ai blog quindi) ha l’obbligo di rettificare ogni contenuto pubblicato sulla base di una semplice richiesta di soggetti che si ritengano lesi dal contenuto in questione. Senza possibilità di replicare quindi, bisogna semplicemente pubblicare la rettifica, che sia fondata o meno. Altrimenti si rischiano fino a 12 mila euro di sanzione. Ecco il testo: “Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono”. In pratica qualsiasi contenuto sul web diventerebbe censurabile con l’invio di una semplice email. Sul ddl intercettazioni il governo ha particolare fretta: non è escluso che venga blindato con la fiducia e approvato in tempi rapidi senza emendamenti. Fonte :Blitz quotidiano

lunedì 4 aprile 2011

Oceano Mare



"Sai cos'è bello, qui? Guarda: noi camminiamo, lasciamo tutte quelle orme sulla sabbia,
e loro restano lì, precise, ordinate. Ma domani, ti alzerai, guarderai questa grande spiaggia
e non ci sarà più nulla, un'orma, un segno qualsiasi, niente. Il mare cancella, di notte.
La marea nasconde. E' come se non fosse mai passato nessuno.
E' come se noi non fossimo mai esistiti.
Se c'è un luogo, al mondo, in cui puoi non pensare a nulla, quel luogo è qui.
Non è più terra, non è ancora mare. Non è vita falsa, non è vita vera.
E' tempo. Tempo che passa. E basta..."

 
Alessandro Baricco, Oceano Mare

4 commenti:

lo scrigno di Sibilla ha detto...

bellissimo questo pezzo! mi piace il fatto che le onde cancellino le orme lasciate di sera.. come ad indicare un nuovo inizio perenne o come anche a dire che di fronte al mare si è troppo deboli per lasciare la propia impronta! Adorabile questo pezzo... A presto... Sibilla

silvia ha detto...

Ciao ho un regalo x te, magari lo hai gia' passa a vedere.^_^

Infradilo ha detto...

... la spiaggia la sera mi ha sempre affascinato, il rumore delle onde la sabbia bagnata sotto i piedi il silenzio che assaporo ad ogni passo e il senso di immensità che pervade le cose ...
ecco come al solito mi sono lasciato andare mai un momento di serietà:)

Waterwitch ha detto...

E perchè non dovresti lasciarti andare,sono pochi quelli che ancora lo sanno fare, poi le parole di Baricco ti portano via senza che tu te ne accorga!